Blog

LA MIA PROPOSTA DI LEGGE DI CONTRASTO ALL’OMOFOBIA

LEGGE OMOFOBIA LOCANDINA

Dopo mesi di lavoro pubblico oggi la mia proposta di legge di contrasto all’omofobia. Non è stato semplice scriverla. Quando pensi a tutte le sofferenze che ragazzi, persone adulte patiscono ogni giorno per il loro orientamento sessuale ti sale una grande rabbia ma per scrivere una legge buona bisogna far posto alla rabbia.

Ho voluto scrivere un testo articolato, non una semplice aggiunta di parole ad una legge già presente, perché l’omofobia ha molteplici sfaccettature e quindi mi è parso necessario prevedere delle aggravanti quando le discriminazioni sono perpetrare a scuola, a danno dei minori, sui social network.

Nel primo articolo si stabilisce per legge cosa significa identità sessuale che rappresenta la combinazione o ciascuna delle seguenti componenti: sesso biologico, identità di genere e orientamento sessuale.

Le pene vanno da uno fino a sei mesi per la sola discriminazione e da uno a quattro anni per la violenza fisica e verbale.

Ho scritto questo disegno di legge pensando ai lividi che tante persone portano ancora sulla propria pelle dopo essere state pestate per aver tenuto per mano il proprio compagno o la propria compagna, ai tanti ragazzi che sono vittima di bullismo a scuola motivato dal loro orientamento sessuale.

Ora viene la parte più difficile perché dovrò proporre questo disegno di legge ai parlamentari e spero di trovare condivisione all’interno del Parlamento.

Di seguito il disegno di legge.

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI CONTRASTO ALL’OMOFOBIA E ALLA TRANSFOBIA

ART.1

1.Ai fini della legge penale per identità sessuale deve intendersi la combinazione o ciascuna delle seguenti componenti: sesso biologico, identità di genere e orientamento sessuale.

2.Ai fini della presente legge deve intendersi:

a)per sesso biologico l’appartenenza biologica al sesso maschile o al sesso femminile determinata dai dati genetici

  1. b) per identità di genere la percezione della corrispondenza della propria persona all’identità di donna o all’identità di uomo ovvero ad entrambi, anche se non corrispondete al proprio sesso biologico

c)per orientamento sessuale l’attrazione emotiva o sessuale nei confronti di persone dello stesso sesso, di sesso opposto o di entrambi i sessi.

ART.2

1.Salvo che il fatto costituisca più grave reato chiunque compie o incita a compiere atti di discriminazione motivati dall’identità sessuale di una persona è punito con la reclusione fino ad un anno e sei mesi e con la multa fino a 10.000 euro.

  1. Salvo che il fatto costituisca più grave reato chiunque incita a commettere o commette atti di violenza, fisica o verbale, motivati dall’identità sessuale ai danni di una persona o più persone è punito con la reclusione da un anno a quattro anni.

Se dall’atto di violenza deriva una lesione personale grave si applica la reclusione da quattro a dieci anni; se ne deriva una gravissima si applica la reclusione da sette a quindici anni; se ne deriva la morte si applica la reclusione superiore a sedici anni.

ART.3

Sono vietate le organizzazioni, le associazioni, i movimenti e i gruppi aventi tra i propri scopi l’incitamento alla discriminazione o alla violenza motivati dall’identità sessuale. Chi partecipa a tali organizzazioni, associazioni, movimenti o gruppi, o presta assistenza alla loro attività, è punito, per il solo fatto della partecipazione o dell’assistenza, con la reclusione da sei mesi a quattro anni. Coloro che promuovono o dirigono tali organizzazioni, associazioni, movimenti o gruppi sono puniti, per ciò solo, con la reclusione da uno a sei anni

ART.4

1.Ai sensi della presente legge non costituiscono discriminazione né incitamento alla discriminazione di cui all’art.2 comma 1, la libera espressione e manifestazione di convincimenti, siano essi personali o religiosi o politici o culturali, ed opinioni riconducibili al pluralismo delle idee, purchè non istighino all’odio e alla violenza.

ART.5

1.Le pene previste per gli atti di cui all’art.2 commi 1 e 2 sono aumentate fino a due terzi se il fatto è compiuto a danno di minori.

  1. Le pene previste per gli atti di cui all’art.2 comma 1 sono aumentate di due terzi se il fatto è compito attraverso l’uso di social network, canali di informazione, emittenti televisive e radiotelevisive.
  2. Le pene previste per gli atti di cui all’art.2 commi 1 e 2 sono aumentate di due terzi se il fatto è compiuto in ambiente scolastico.

Oggi alle ore 19 in diretta facebook ci sarà la presentazione ufficiale sulla pagina di matrimonio Egualitario Italia.

Aspetto i vostri commenti e vostri suggerimenti.

DOMANI PRESENTAZIONE DEL MIO DISEGNO DI LEGGE CONTRO L’OMOFOBIA

presentazione proposta di legge contro omofobia

In questa legislatura non può fermarsi il cammino dei diritti per questo ho deciso di redarre un disegno di legge in materia di contrasto a omofobia per il movimento MATRIMONIO EGUALITARIO ITALIA.

Domani presenteremo ufficialmente la proposta di legge in diretta fb, alle ore 19.00, sulla pagina facebook di Matrimonio Egualitario Italia.

Un disegno di legge che poi proporremo ai parlamentari che vorranno ascoltarci.

Contemporanemente il disegno di legge sarà pubblicato sul mio sito.

Vi aspetto per la diretta di domani.

Alessandro Reda

10.747 VOLTE GRAZIE!

change.org

Oggi 10.747 persone sostengono già la petizione che ho lanciato per rendere illegali le terapie riparative sui minori per guarire dall’omosessualità. 

GRAZIE AD OGNUNO DI VOI.

E’ un grande traguardo ma bisogna fare ancora di più. Andiamo avanti così per sostenere una battaglia di civiltà.

Se non hai ancora firmato puoi farlo qui : FIRMA LA PETIZIONE.

Tra poco si insedieranno i nuovi parlamentari e inizieremo a cercare di capire chi vorrà convertire questa petizione in un disegno di legge.

Vi terrò aggiornati.

 

Alessandro Reda

 

Lancio una sfida a tutti i candidati politici sui diritti civili

Mancano pochi giorni alle elezioni. Il 4 marzo si sceglie L’Italia che vorremo nei prossimi 5 anni. Le alternative sono due. Da un lato c’è la coalizione di centro- destra, un miscuglio di clericali,fascisti,estremisti,razzisti, che vogliono abolire anche le poche leggi di civiltà che sono state approvate con fatica nel nostro Paese dall’altro lato ci sono i partiti di centro sinistra che rimangono ancorati almeno ai loro valori fondamentali di libertà, eguaglianza e solidarietà.

Il 4 marzo vi invito a non affidare la vostra vita a Salvini, a Berlusconi, alla Meloni: un trio di incapacità, razzismo, disonesta e illegalità.

Detto ciò sono profondamente deluso dalla poca attenzione rivolta anche dai gruppi politici di centro-sinistra durante la campagna elettorale al tema dei diritti.

Per questo insieme all’amico Stefano Crescenzi e all’amica Federica Scialoia ho fondato il movimento RIVOLUZIONE DEMOCRATICA. Con RIVOLUZIONE DEMOCRATICA lanciamo un appello a tutti i candidati politici che vorranno sottoscrivere anche singolarmente i 10 punti del nostro programma PER UN ITALIA PIU’ GIUSTA,PER UN’ITALIA PIÙ LIBERA.

RIVOLUZIONE DEMOCRATICA ha un logo che parla di diritti, di eguaglianza e di libertà. Questi sono i valori che ci hanno ispirato aa fondare questo movimento che si affianca a PREFERISCO L’EGUAGLIANZA che in pochi mesi, senza nessun sostegno politico, ha raggiunto più di 1.000 adesioni.

Sono anche onorato di iniziare a collaborare con MATRIMONIO EGUALITARIO ITALIA che mi ha dato la possibilità di essere il coordinatore nazionale della nostra campagna #STOPOMOFOBIA.

Trovate tutte le informazioni sulla pagina Facebook di MATRIMONIO EGUALITARIO ITALIA.

Ora ci serve il sostegno di tutti voi per convertire in disegni di legge nella prossima legislatura i nostri 10 punti:

– legge contro omofobia

– università gratis per studenti con reddito fino a 18.000 euro e nuove norme per i fuoricorso

– legge sulla libertà religiosa

– norme più severe per contrastare il bullismo nelle scuole

– nuovo modello ISEE che non tenga conto del patrimonio immobiliare

– ius soli

– scioglimento dei gruppi neofascisti e neonazisti

– matrimonio egualitario

– legge per rendere illegali le terapie riparative per guarire dall’omosessualità

– nuova legge sulle adozioni per tutti

SI TRATTA DI 10 INTERVENTI LEGISLATIVI che considero fondamentali e urgenti per un’Italia più democratica, più giusta, più equa dove ci sia eguaglianza e non odio e discriminazione.

Per attuare il programma ci serve il sostegno di tutti voi.

Solo insieme possiamo cambiare le cose.

Tra pochi giorni in vendita il mio libro LIBERO DI ESSERE ME STESSO

Ho vissuto per quasi 20 anni nelle paure, nelle insicurezze, nelle sofferenze causate dal bullismo da adolescente e da una severa malattia nella prima età adulta.

Mi nascondevo, indossavo una maschera per farmi accettare dagli altri e questo mi causava numerose sofferenze. Nascondevo e negavo la mia omosessualità e per questo mi sentivo represso ed ero infelice.

Fortunatamente ho vinto la malattia che mi ha tenuto nel buio per anni e insieme ad essa tutte le miei insicurezze.

Nel rivelare la mi identità ho trovato la libertà più grande: la libertà di essere me stesso.

Noi siamo noi e nessun altro. È il concetto di essenza caro al filosofo Aristotele.

Vi consiglio la lettura del mio libro. Non ho scritto versi complessi ma con semplici parole ho voluto trasmettere tutto quello che ho provato attraverso i miei versi per aiutare chi come lo ero io è ancora alla ricerca della felicità ma non l’ha ancora trovata.

Il libro, edito da BOOKSPRINT, sarà nei prossimi giorni in vendita online su IBS e Amazon e in tutte le librerie d’Italia oppure direttamente sul sito della casa editrice al seguente link:

ACQUISTA LIBRO

Buona lettura a tutti e fatemi sapere cosa ne pensate.

L’OMOSESSUALITA’ NON E’ UNA MALATTIA! FIRMA ANCHE TU LA PETIZIONE.

foto centrale locandina

L’omosessualità non è una malattia eppure ancora oggi sacerdoti e alcuni medici praticano, sopratutto sui minori contro la loro volontà, le cosi dette TERAPIE DI CONVERSIONE per guarire dall’omosessualità. Queste terapie non solo offendono la dignità umana ma  non hanno un briciolo di valenza scientifica perché l’omosessualità non è una malattia.

Centinaia di minori ogni anno vengono sottoposti ancora a queste “cure” operate da cialtroni e quello che si causa in loro è solo frustrazione, aumento di ansia, depressione e disturbi psichici come hanno dimostrato recenti studi scientifici.

Bisogna fermare tutto questo e rendere illegali le ancora presenti terapie di conversione.

Firma anche tu la mia petizione al seguenti link:

FIRMA LA PETIZIONE